Esu parla del completamento e della chiusura

Jess- Esu, l’argomento che mi è venuto in mente è stato il completamento e la chiusura. Vorrei chiedere dei commenti che abbiano un senso di sommatoria e di direzione. Ho la sensazione che il tempo sia pronto per il cambiamento.

Esu – Ciao, Jess. Sono venuto a parlare ancora. Noi abbiamo creato una serie di commenti in cui uno riprende da dove il precedente aveva smesso. I titoli indicano la continuazione. Questo era forse inconscio da parte tua, ma il collegamento è lì. Abbiamo lavorato attraverso la preparazione, la definizione degli atteggiamenti, e il saper discernere ciò che è appropriato per le persone. Abbiamo incoraggiato l’ indipendenza e guidato i lettori a cercare la compassione e l’ equilibrio con gli altri. Abbiamo parlato della vita dell’ uomo sulla Terra e descritto i modi che questa ha misurato la sua capacità di adattamento. Gli eventi si sono inevitabilmente concretizzati dalle idee sbagliate dell’ uomo, e l’ esistenza in cui vi ritrovate in questo momento è il culmine di migliaia di anni di compromessi e di cattivo giudizio.

E’ tempo di porre fine a queste inefficaci occupazioni. L’uomo è diventato abbastanza consapevole di sentirsi insoddisfatto. Egli non può ancora conoscere le ragioni del suo malcontento, ma sente che la sua vita può essere diversa. Ogni elemento della sua esistenza è colorato dalla disinformazione che lo intrappola, e la maggior parte degli uomini non sono in grado di vedere le ragioni di questo.

L’uomo è stato manipolato e diretto contro la sua natura da controllori che hanno avuto la possibilità di determinare le regole che volevano imporre. Questo può essere etichettato governo, ma è più precisamente coloro che controllano i governi – persone con risorse illimitate e una convinzione senza restrizioni del proprio diritto a determinare il comportamento dell’ uomo. Questa convinzione deriva da una incapacità di vedere il proprio collegamento con il Creatore. Per comodità, possiamo dire che questa cecità sulla Terra è iniziata con l’interferenza di gruppi extra-terrestri, con poca preoccupazione per lo scopo spirituale di questo pianeta.

Come risultato di questa interruzione, alla Terra è stato tolto l’ attuale processo di crescita Universale ed evoluzione. E’ diventata un pianeta in quarantena per consentire il funzionamento di molte sfide alla visione del Creatore. Questo radicale passo ha ottenuto un notevole successo, in molti modi, ma su tali fondamentali questioni emotive come rabbia, predominio, rifiuto, o continua critica dettata alle preoccupazioni dell’ uomo. Le ragioni per il loro essere stimoli emotivi non sono state esaminate oggettivamente, come regola generale. A sua insaputa, il pensiero dell’ uomo è stato condizionato per convalidare la fiducia in se stessi dei suoi controllori. Questa distorsione dello scopo della Terra per il beneficio di pochi è in contrasto con la visione evolutiva del suo Creatore. La predominanza sugli abitanti della Terra per la gloria e la soddisfazione personale di pochi, non è mai stata l’ intenzione del Creatore.

Nonostante il caos ed i disagi che questa sequenza di azioni ha prodotto, il Creatore della Terra ha mantenuto l’ indipendente stato di osservatore per vedere come la sua creazione avrebbe affrontato queste inaspettate crisi. Il Creatore impara anche, mentre la sua creazione capisce il modo di assimilare i propri problemi e diventare indipendente da tali sfide. Lui interviene solo quando il suo scopo non sia un’ influenza determinante nelle decisioni e nel comportamento della sua creazione.

L’amore del Creatore per questa specifica creazione è senza pari. Ha scelto una incarnazione qui (Gesù) per compiere la sua evoluzione come Sovrano del suo Universo. Ha continuato a vegliare sul suo pianeta di conferimento, anche se quest’ ultimo ha sviluppato un disprezzo quasi irreparabile per le sue intenzioni.

L’ uomo in questa incarnazione è stato creato originariamente per essere esempio del suo Creatore entro i parametri dimensionali di questo pianeta. E’ stato progettato per funzionare in modo indipendente, anche se ha ceduto il senso di connessione con il suo Creatore. Il suo compito era quello di trovare un modo nuovo con solo un barlume di questa connessione a guidarlo. Questo viaggio è la storia della incarnazione dell’ uomo sulla Terra. Ha cercato, spesso inconsapevolmente, dei modi per ristabilire la sua connessione con il suo Creatore. Questa esigenza di connessione ha assunto molte forme e interpretazioni, come risultato delle indagini intellettuali dell’ uomo. La comprensione incompleta ha sviluppato credenze erronee e filosofie. Le errate interpretazioni e i ragionamenti basati sull’ ego hanno portato la consapevolezza spirituale dell’ uomo in molte direzioni sbagliate.

Questo ha giocato una vasta gamma di esperienze per il Creatore, ma non può andare oltre, con qualche parvenza di scoperte produttive. L’uomo ha raggiunto il limite della sua utilità come abitante sperimentatore all’ interno di una civiltà dualistica. E’ tempo che lui sia a conoscenza della sua piena natura spirituale all’ interno del paradigma di un pianeta in evoluzione. Egli deve capire il suo rapporto con il suo ambiente e il suo Creatore, ed imparare a prendere decisioni basate su questa interconnessione. Le sue azioni devono essere basate sul discernimento, con la compassione necessaria, per mantenere la più grande rete di comunità spirituale.

Vi ho parlato di completamento e chiusura. Completamento in questo senso significa proseguire un’ azione al suo risultato finale. Le idee dell’ uomo hanno creato i suoi sistemi di credenze e dominato le circostanze che le hanno generate. La sua mancanza di comprensione gli causato ignorare la simbiosi necessaria per lui per vivere in equilibrio con il pianeta. Queste cause e ed effetti che si sono manifestati stanno volgendo al termine, ma l’uomo tende sempre a ritornare alle azioni che rimangono condizionate dalla sua formazione e dalle sue esperienze di vita. Molto deve essere interrotto e molto deve essere cambiato.

Il tuo incarico, e quello dei tuoi lettori, è assistere questo cambiamento. Ciò implica la chiusura nel risolvere un problema. Portare ad una soddisfacente conclusione una situazione porta la positiva chiusura. Le emozioni e le idee investite in un’azione possono continuare a colorare la visione di un partecipante del suo comportamento, ma il suo senso di completamento porta ad un senso di finalità.

L’uomo imparerà a discernere. Le sue percezioni limitate saranno ampliate, e le sue risorse intellettuali saranno nutrite; in parte dagli esempi personali e di leadership dei vostri lettori. La comprensione dell’uomo della sua natura spirituale sarà illuminata; saranno coordinate le azioni successive con le intenzioni del Creatore, di cui è un’estensione. I sistemi di credenze che si sviluppano porteranno la trasformazione ai suoi attuali miopi pregiudizi religiosi. Le personali interazioni saranno in linea con le verità universali, e gli sforzi di collaborazione saranno strutturati con la consapevolezza dell’ unità e dell’ uguaglianza.

Le decisioni culturali saranno basate su accordi tra gli individui in allineamento con la verità spirituale. Un gruppo di uomini non presume una superiorità sugli altri uomini. Le competenze individuali ed i tratti culturali saranno riconosciuti come uno spettro di talenti personali che possono essere utilizzati per il miglioramento di tutti. Ogni persona è unica, con un ruolo da giocare con gli altri in una ricerca unificata per l’ascensione .

Tutti i sistemi di credenze attuali devono realizzare un senso di chiusura positiva. Essi non devono continuare a influenzare le concezioni spirituali dell’ uomo. Egli deve essere libero di esaminare e scegliere in modo indipendente. Vi forniremo le linee guida ed esempi di come raggiungere questo completamento.

Questo cambiamento inizia ora. L’uomo presto vedrà la realtà della sua esistenza e il luogo inimmaginabile che è gli stato dato per l’ evoluzione del suo pianeta e del suo universo. L’evidenza del suo scopo sarà messa in chiaro. Egli potrà quindi rendersi conto di non aver bisogno di avere insegnamenti o assegnazioni. Vedrà che l’uomo deve guardare solo a se stesso per vedere la sua vera natura. Tutto è luce e l’uomo è parte di essa, egli lo riconoscerà. Quando lo farà, saprà che deve brillare ancora di più in modo che anche gli altri possano vedere se stessi in modo più chiaro.

Esu.

Traduzione Ben Boux

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anti-spam: complete the taskWordPress CAPTCHA